Federazione Italiana Medici Pediatri

Regione Lazio

Area Iscritti

Inserisci Nome Utente e Password che ti sono stati forniti dalla Segreteria Fimp Lazio.

Dal 22 dicembre al 1° gennaio la struttura ha fatto registrare 450 accessi. Il servizio ha visto la presenza dei Pediatri di Libera Scelta durante le festività natalizie, nei giorni di sabato, domenica, festivi e prefestivi, con l’obiettivo di assicurare la copertura assistenziale nell'ambito delle cure pediatriche. Da qui la decisione di proseguire l’esperienza e renderla stabile e organica nell’offerta dei servizi sanitari al territorio

07/01/2019 - Grande successo per la sperimentazione dell’ambulatorio pediatrico aperto nei giorni festivi a Colleferro, in provincia di Roma. Da qui la decisione di proseguire l’esperienza e renderla stabile e organica nell’offerta dei servizi sanitari al territorio. Dal 22 dicembre al 1° gennaio la struttura ha fatto registrare 450 accessi. Il servizio ha visto la presenza dei Pediatri di Libera Scelta durante le festività natalizie, nei giorni di sabato, domenica, festivi e prefestivi, con l’obiettivo di assicurare la copertura assistenziale nell'ambito delle cure pediatriche.

La continuità del servizio di assistenza pediatrica è stata garantita regolarmente attraverso l'organizzazione di turni di Guardia Medica dei Pediatri di Libera Scelta convenzionati con il SSN che ne hanno fatto regolare richiesta. Notevole l’apprezzamento delle famiglie per questo progetto che permette una continuità assistenziale, un continuum tra i pediatri di libera scelta e questo servizio. La quasi totalità dei pazienti necessitava di un consulto pediatrico non differibile di 24/48 ore. Solamente otto sono stati gli invii al Pronto Soccorso, che ha quindi registrato un netto calo degli accessi pediatrici, anche questo uno degli obiettivi dell’AmbuFest.

Tutte le info. L’accesso è libero. Si accede dalle 10 alle 19 la domenica e nei festivi e dalle 14 alle 19 il sabato e nei prefestivi. L'assistenza è rivolta ai bambini e ragazzi da 0-14 anni. L’ambulatorio si trova al Distretto Sanitario Colleferro in via degli Esplosivi n.9, edificio verde, piano terra, stanza VT6. Il numero di telefono è 06.97097526.

“Visto lo straordinario successo registrato dal servizio di continuità assistenziale pediatrica avviato dalla Asl Roma 5 a Colleferro e il gradimento riscontrato nelle famiglie e l’utenza abbiamo deciso di proseguire l’esperienza e renderla stabile e organica nell’offerta dei servizi sanitari al territorio. Uno strumento molto utile realizzato su sollecitazione del sindaco e in collaborazione con i pediatri di Libera scelta” – così Alessio D’Amato, assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria.

Salute: Fimp Roma, pediatri preoccupati per inquinamento incendio Salario

Roma, 13 dic. (AdnKronos Salute) - I valori di inquinamento superiori alla norma diffusi dall'Arpa Lazio, legati all'incendio presso il centro di trattamento meccanico biologico (Tmb) di via Salaria a Roma, preoccupano la Federazione italiana medici pediatri di Roma e del Lazio. "Già da tempo la nostra Federazione aveva sollevato la problematica relativa al Tmb Salario, ma ora siamo allarmati anche per il futuro, perché sappiamo benissimo quali possono essere i danni provocati dai particolati Pm10, dai metalli pesanti e dalle diossine", afferma Teresa Rongai, segretario Fimp Roma e Fimp Lazi.

 

"Tutto questo accade in un ambiente urbano che è quello di Roma già gravato da numerosi inquinanti", prosegue Rongai. "La Fimp Roma si schiera come sempre dalla parte dei bambini e delle loro famiglie e chiede un intervento immediato di tutti coloro che hanno responsabilità, in particolar modo da parte del Comune di Roma, visto che l'emergenza rifiuti da problema organizzativo ed economico si è trasformato in una emergenza sanitaria", conclude la pediatra.


Clicca sul link di seguito per leggere l'articolo per intero

http://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca/2018/07/27/news/vaccini_pediatri_con_legge_m5s_lazio_si_torna_al_medioevo_-202811104/ 

Il dott. Giampietro Chiamenti: “Possiamo avere un ruolo attivo nell’esecuzioni delle vaccinazioni nei nostri studi. Così possiamo aumentare notevolmente l’adesione da parte dei cittadini esitanti”

Roma, 31 luglio 2017 – “La definitiva conversione in legge del decreto sui vaccini obbligatori ha chiuso un aspro dibattito politico e consegnato al Paese l'auspicato strumento per una maggiore tutela della salute dei bambini e degli adolescenti. Adesso però inizia la fase applicativa che deve rendere esecutive le norme della legge con il minor disagio possibile per i giovani pazienti e la massima efficacia di risultato per la salute del singolo e la salvaguardia della comunità”. E’ questo l’auspicio della Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP). “Come abbiamo più volte affermato durante il dibattito parlamentare il Pediatra di libera scelta, nell'ambito del suo rapporto fiduciario con il proprio assistito e le famiglie, si rende disponibile a sostenere questo importante impegno - afferma il dott. Giampietro Chiamenti Presidente Nazionale FIMP -. Tutte le ricerche dimostrano che il pediatra e il medico di famiglia sono le figure professionali sanitarie nelle quali l’assistito ripone la maggiore fiducia. Questo rapporto privilegiato che abbiamo con la popolazione ci deve imporre un ruolo attivo anche nella esecuzione delle vaccinazioni. Quest’azione se svolta nei nostri studi può aumentare notevolmente l'adesione ai vaccini da parte dei cittadini cosiddetti "esitanti". “Per questo la FIMP ritiene che, in attesa della applicazione della nuova legge, sia necessario definire quanto prima il ruolo e le funzioni delle Cure primarie nel contesto di un sistema di rete fra Servizi vaccinali e medici curanti - prosegue Chiamenti -. In questo ambito e nel rispetto delle specificità locali vanno individuate le soluzioni organizzative più efficaci per facilitare le incombenze innanzitutto delle famiglie e poi delle istituzioni scolastiche e sanitarie. Per quanto riguarda i compiti e le funzioni degli operatori del sistema sanitario siamo in attesa del decreto attuativo della legge che a breve dovrebbe essere emanato dal Ministero della Salute”.

“In questa circostanza giunge opportuna la revisione dell’“Atto di Indirizzo” per il rinnovo delle convenzioni della medicina territoriale approvato lo scorso 27 luglio dal Comitato di settore della Conferenza delle Regioni - sottolinea Chiamenti -. Il provvedimento potrà permettere di riavviare la trattativa per il rinnovo della ACN, ed è un presupposto necessario per una nuova programmazione di compiti e funzioni che i pediatri e i medici convenzionati andranno ad assumere ai vari livelli. In tale contesto, e per quanto riguarda gli obiettivi di salute che il servizio sanitario nazionale si propone, confidiamo sulla possibilità che tramite accordi regionali ed aziendali si possa trovare la soluzione più adatta alle specificità locali per un rinnovamento dell’offerta vaccinale con il coinvolgimento attivo della pediatria di famiglia nel rispetto di una efficace integrazione a vantaggio dei cittadini utenti e degli obiettivi da raggiungere”. “Il Servizio Sanitario sta attraversando un momento caratterizzato da un acceso dibattito a vari livelli e da un attivismo legislativo da cui conseguentemente dovrà derivare un nuovo approccio organizzativo del sistema delle cure e della prevenzione con l’adozione di nuovi modelli, più moderni e funzionali - conclude il presidente FIMP -. La Legge sui Livelli Essenziali di Assistenza, l’obbligo vaccinale e la riapertura della stagione dei rinnovi contrattuali sono un’occasione da non perdere per affrontare e risolvere in modo positivo i cambiamenti che l’attuale contesto sanitario e legislativo ci pone come opportunità da realizzare. La FIMP è pronta ad affrontare questa complessità mettendo in campo proposte e possibili soluzioni, ma ribadisce nel contempo la necessità di una valorizzazione del proprio impegno dimostrato negli anni per costruire un modello che nei fatti ha prodotto e produce salute nei confronti dell'infanzia e dell'adolescenza a cui le Istituzioni non si possono sottrarre”.

 

 

 

Cari Colleghi,

in allegato troverete la Nota regionale in oggetto, concernente “Prime indicazioni operative riguardanti l’attuazione del PNPV 2017- 2019”.

Oltre a quanto stabilito dal PNPV 2017-2017, come potrete vedere nel piano attuativo della nostra regione,  sono stati introdotti:

 

-         al posto del solo Vaccino Antimeningococco C, il Tetravalente Coniugato ACWY gratuito anche per tutti i bambini a partire dal 13° mese di vita

-         e al posto del Vaccino HPV Tetravalente, il  9-valente gratuito per gli adolescenti (sia di sesso femminile che maschile) dagli 11 anni ai 19,

 

attraverso i quali è possibile raggiungere la massima protezione efficace possibile come richiesto dal PNPV 2017-2019.

 

Voglio rendervi partecipi che abbiamo ottenuto questo successo anche grazie ad una lettera che la FIMP Lazio, nella persona anche del Dr. Luciano Basile, Referente Vaccini FIMP Lazio, ha inviato alla Regione Lazio (in allegato).

 

Un caro saluto a tutti.

 

 

Teresa Rongai

Segretario FIMP Lazio 

Leggi «Tutto sui vaccini» in un Quaderno del ministero della Salute Quaderno n. 27 del ministero, dal titolo “Vaccinazioni: stato dell’arte, falsi miti e prospettive. Il ruolo chiave della prevenzione”

http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2586_allegato.pdf

         

 

 Per informazioni ed iscrizioni contattare la Segreteria Organizzativa

FARE COMUNICAZIONE

Simona Santini tel. +39 347 5942879

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.farecomunicazione-e20.com

InizioPrec123SuccFine
Pagina 1 di 3